Donne di Cuori è una nuova Associazione del territorio bresciano che negli intenti vuole accogliere e condividere vissuti ed esperienze con donne che cercano un punto di riferimento e un confronto su tematiche femminili e, soprattutto, lesbiche. Il nostro modo di fare politica sarà quello di esserci, nelle piazze, tra la gente, mostrando i nostri volti e promuovendo la cultura LGBT in tutte le forme che ci appartengono, al fine di ricostruire un’immagine di noi, donne lesbiche, scevra da ogni tipo di pregiudizio.


domenica 19 febbraio 2017

#unit* da un sogno


Era maggio 2016 e la nostra quotidianità veniva destata, con stupore, da una comunicazione inviata da un’associazione locale.

“Richiesta incontro-Pride 2017 Brescia” era l’oggetto della mail.

“Ok, ci penseremo e ci aggiorniamo dopo l’estate”, questa la decisione delle Associazioni coinvolte, ma dentro di noi… “i tamburi già battevano”.

A settembre 2016, un aperitivo informale per capire se e come avevamo intenzione di muoverci ha messo in moto la grande macchina chiamata Brescia Pride 2017 #Unire la città.

Nasce così il Comitato Pride, che vede le Donne di Cuori insieme a Caramelle In Piedi, Chiesa Pastafariana, Equanime e Pianeta Viola lavorare insieme alla realizzazione di questo sogno comune: il primo Pride bresciano.

Un’enorme ricchezza fatta di persone molto diverse, ognuna con il proprio percorso e le proprie attitudini, crea un’unica grande rete che accompagna tutte e tutti in un viaggio lungo 6 mesi dove all’interno sarà possibile esplorare il mondo LGBT da ogni angolazione e per ogni sensibilità umana.

“Dobbiamo indire una conferenza stampa”, “Come facciamo il logo?”, “C’è da pensare al percorso per il corteo”, “facciamo le spillette?”, “presentiamo questo libro”, “e se facessimo una mostra?”, queste e molte altre domande, da quel giorno, colorano i nostri assidui incontri.

Dalla creazione del nostro Logo, quello della Loggia Rainbow che da sempre rappresenta per Brescia un simbolo di unione, il nostro progetto ha iniziato concretamente a prendere forma.

Da qui s’intrecciano incontri, gruppi di lavoro, pianificazione di eventi, interviste, burocrazie varie, raccolte fondi, perdite di sonno, confusioni varie, risate, impegno e gratificazioni che ancora proseguono e ci vedranno trionfanti il prossimo 17 giugno in un coloratissimo corteo finale!


Per approfondimenti e aggiornamenti costanti ci trovate sulla pagina Facebook del Brescia Pride, oppure qui http://www.bresciapride.it/


domenica 22 gennaio 2017

Il coraggio dei giusti

27 gennaio Giorno della Memoria

“Dimenticanza è sciagura, mentre memoria è riscatto.”
(Anneliese Knoop-Graf)

“Se Dio esiste, deve chiedermi perdono”. Questa è la scritta trovata su un muro di Auschwitz, il vasto complesso di campi di concentramento e sterminio nazista, in funzione tra 1940 e 1945. 
Uno dei tanti di una lista spaventosa di cui dobbiamo temere l’inosservanza e l’incuria della nostra memoria affinché nulla vada perduto, ma trasmesso nel tempo alle generazioni future, come insegnamento alla perseveranza di cercarsi nel passato per costruire su di esso un futuro di rispetto e pace.
È con un racconto d’amore che vogliamo ricordare questa giornata, il racconto delle azioni di Clelia Caligiuri De Gregorio: una donna “giusta” che ha rischiato la propria libertà e la propria vita per salvare l’ebrea jugoslava Sarina Karliner.
Scappata da Zagabria nel 1941 e diretta a Spalato, in Dalmazia, per cercare rifugio presso il quartier generale dell’esercito italiano, Sarina incontrò Clelia a Follina, piccolo paese in provincia di Treviso. E Clelia non volle tirarsi indietro.
Vedova con tre figli, Clelia Caligiuri De Gregorio, per quasi tutto il periodo della Seconda guerra mondiale nutrì e protesse Sarina Karliner fino alla liberazione nel 1945, portandole cibo, assistenza e conforto in una situazione di estremo pericolo, mantenendo anche la promessa di portarla nella propria casa di Piavon come estrema misura di protezione. 
Infatti dopo l'armistizio del settembre 1943, quando gli alleati tedeschi si trasformarono in occupanti persecutori, Clelia creò un rifugio sicuro per Sarina all’interno di un armadio di casa sua, fornendole ogni genere di conforto e di appoggio fino alla fine. Mise a repentaglio la propria vita e quella dei suoi figli quando il rifugio fu quasi scoperto dalle SS, ma non esitò a continuare la propria opera accompagnando Sarina in un trasferimento estremamente rischioso a Lutrano, da un sacerdote che acconsentì a tenerla nascosta nell’ultimo periodo di occupazione tedesca. E anche in quest'ultima fase l'assistenza di Clelia, che portava cibo due volte a settimana, fu fondamentale.
Il 18 ottobre 1966 Yad Vashem (Ente nazionale per la Memoria della Shoah di Israele) ha riconosciuto Clelia Caligiuri come Giusto tra le Nazioni, un titolo utilizzato dopo la seconda guerra mondiale per onorare i non-ebrei che hanno agito in modo eroico, a rischio della propria vita e senza interesse personale, per salvare quella di anche un solo ebreo dal genocidio nazista della Shoah.
Questo riconoscimento prevede la consegna di una speciale medaglia con inciso il nome, di un certificato d'onore ed il privilegio di vedere il proprio nome aggiunto agli altri presenti nel Giardino dei Giusti, presso il museo Yad Vashem di Gerusalemme. 
Ad ogni Giusto tra le Nazioni viene dedicata la piantumazione di un albero, come pratica tradizionale ebraica che indica il desiderio di ricordo eterno per una persona cara.
Con questa storia vogliamo sottolineare i valori civili umanitari che hanno fatto parte di un tempo di guerra e di odio, grazie a migliaia di donne e uomini oggi ricordati in quel giardino come alberi di speranza e di coraggio: il coraggio di non arrendersi, e la speranza che l’indifferenza venga cancellata dalle azioni future di ogni essere umano.
Ad oggi sono stati riconosciuti nel mondo 26.120 Giusti tra le Nazioni e 671 di questi sono italiani.

L'Italia è oggi l'ottava nazione per maggior numero di Giusti.

Bruna Ramus

Clelia Caligiuri De Gregorio

Il giorno della consegna del certificato di Giusto tra le Nazioni

 L'albero di Clelia, oggi nel Giardino dei Giusti




venerdì 22 luglio 2016

La penombra e i colori dell'amore






Io non sono tra coloro che "si sono scoperte tardi". 
Di me lo so da sempre, da quando i parenti ai pranzi di Natale mi chiedevano se avevo il "fidanzatino" e io avrei voluto rispondergli che c'era una mia compagna delle elementari che avrei voluto presentargli. Lo so da quando tutte le mie amiche uscivano con i primi ragazzi e io guardavo le loro mani, il loro sorriso e i loro occhi verdi mentre mi raccontavano del primo bacio. 

Siccome, però, "così fan tutte", alla fine con gli uomini ci sono uscita anch'io, intrecciando le storie più assurde e sbagliate, prendendo e lasciando e facendo anche del male a qualcuno (a me per prima) e imparando a conoscere me stessa.

La prima esperienza vera con una donna l'ho avuta a 18 anni, ma eravamo piccole, incoscienti, non sapevamo nulla di noi, figuriamoci dell'amore. Quella storia l'abbiamo vissuta, consumata, devastata come solo gli adolescenti sanno fare e quando è finito tutto siamo rimaste con il sapore che fosse crollato il mondo e la paura che non ci saremmo più innamorate. Mai più. Quantomeno io.

Ovviamente non è andata così.

A 27 anni ho conosciuto lei. 
Ricorderò quella sera per tutta la vita. 

Ero in penombra nella mia stanza e mentre lavoravo al computer per sistemare un file, avevo lasciato una chat per sole donne aperta e ridotta a icona.
Si aprì una finestra sullo schermo. C'era il suo nome per esteso, un "CIAO" e c'era lei.
Le risposi.
Lei scrisse ancora.
Da quel giorno quel saluto divenne un appuntamento fisso, un fiume di parole senza argini, divenne racconti, dialoghi, telefonate lunghissime e senza mai un silenzio e poi, anche, la voglia di vedersi.
Lei abitava (e abita tuttora) a 300 km da casa mia, ma non importava a nessuna delle due.
Non l'avevo mai vista, né lei aveva mai visto me. Non esisteva Facebook, non esistevano gli smartphone. 
Avevamo un cellulare, gli sms illimitati e la posta. 
E per posta mi arrivò una sua foto a sei anni e un mazzo di rose rosse che mio padre si ricorda ancora per avergli dovuto fare spazio in salotto perché sul tavolo della cucina ci dovevamo mangiare e mangiare in una selva non era proprio possibile.

Ci incontrammo di sera, in stazione.
Tremavamo entrambe come foglie, nonostante l'inverno fosse passato da un pezzo e non ce ne fosse motivo.
Avevamo tutte le nostre parole nelle tasche, la voglia di parlare ancora sulle labbra, nelle orecchie la voce, nel cuore solo il desiderio di stare assieme  per tre giorni.

Non avevamo mai parlato di baci, eppure accadde dopo un quarto d'ora che eravamo sedute in macchina. Lei stava guidando oltre i 100 orari, mi sporsi e la baciai.
L'auto decelerò fino a fermarsi in una piazzola.
Restammo molti minuti con lo sguardo fisso oltre il parabrezza, senza il coraggio di guardarci l'una con l'altra e i cuori che sembravano essere passati dal petto alla gola.

Quei tre giorni li trascorremmo nella penombra di casa, esattamente così come ci eravamo conosciute.
Lì cominciò una sequenza di giorni passati (sempre) assieme fino a un totale di quattro anni e mezzo, il mio trasferimento, una convivenza, chilometri di viaggi attorno al mondo.
Viaggi che restano tra i più belli della mia vita.

Non rimpiango nulla. Lo farei e rifarei e lo rifarei esattamente così come l'ho fatto, solo, forse, parlando di più e pretendendo qualche risposta.

O forse anche no ed era e rimane perfetto così.

Ciò che resta di bello è che quando mi scrive, ancora oggi, mi emoziona. Con un colore molto diverso, ma pur sempre pieno e, ancora, nonostante tutto, in penombra.

Barbara Audisio


Pic Nic estivo :-)




Un'altra occasione per stare insieme

Domenica 24 Luglio



Vi aspettiamo...

martedì 17 maggio 2016

TRANS-STORIE DI RAGAZZE XY di MONICA ROMANO-

«Sei maschio o femmina?».
La ricerca di una rispostada parte di Ilenia, la protagonista, la accompagnerà lungo tutto il suo cammino, attraverso l’adolescenza e verso l’età adulta. Un viaggio incidentato e messo a rischio da bullismo, discriminazione, violenze fisiche e verbali, che porterà Ilenia a realizzarsi con una laurea, un buon lavoro e un amore inaspettato, quello per una donna.

Trans. Storie di ragazze XY offre uno spaccato delle vite di giovani donne transgender, definite, con una punta d’ironia, “Ragazze XY”, dove XY indica la coppia di cromosomi che caratterizza i maschi nei mammiferi, e della loro battaglia quotidiana per una vita lontana dallo stereotipo che associa la condizione trans alla prostituzione, relegandola in una dimensione notturna e clandestina.
(By:transgenderfreedom.com)

VENERDÌ 20 MAGGIO ore 18,30
CAFFÈ LETTERARIO PRIMO PIANO - BRESCIA-